Articolo del "Messaggero Veneto" 26 luglio 2013

da domani a chions

Emigranti pordenonesi nel mondo, tre giorni di festa

Sono oltre 600 i pordenonesi nel mondo attesi a Chions in occasione della 36ª edizione del raduno annuale degli emigranti organizzato dall’Efasce, presieduta da Michele Bernardon. Argentina, Brasile,...

Sono oltre 600 i pordenonesi nel mondo attesi a Chions in occasione della 36ª edizione del raduno annuale degli emigranti organizzato dall’Efasce, presieduta da Michele Bernardon. Argentina, Brasile, Australia, Canada, ma anche Francia, Germania, Romania, Slovacchia e Inghilterra sono i Paesi dai quali provengono i nostri corregionali.

Dopo l’accoglimento della delegazione in Villa Perotti da parte del sindaco Fabio Santin domani alle 19, il raduno entrerà nel vivo sabato mattina.

Sempre nella stessa sala, si terrà il convegno dal titolo “Emigrazione e nuova mobilità – Cambiare il Paese per non cambiare Paese”. Alle 9.30 è prevista la registrazione dei partecipanti mentre alle 10 si terrà l’inizio ufficiale con l’intervento delle autorità. Quindi la relazione del presidente dei giovani industriali Marco Camuccio, seguito dal dibattito. A chiudere i lavori, il vicepresidente della Regione Sergio Bolzonello. La domenica, invece, è dedicata alla consegna del premio Odorico – istituito dalla Provincia - a un pordenonese che si è distinto per la sua operosità fuori dei confini regionali. Terminata la deposizione della corona di alloro al monumento ai Caduti, alle 10.30 il vescovo emerito Ovidio Poletto celebrerà la santa Messa, mentre alle 12 nella sala dell’oratorio il Presidente della Provincia Alessandro Ciriani premierà l’azzanese Tiberio Dal’Olio. Al termine il pranzo conviviale nell’area dell’oratorio.